martedì 4 maggio 2010

Ubuntu 10.04 prime impressioni

Ho installato Ubuntu 10.04 (mannaggia non mi ricordo mai i nomi in codice delle varie release...) per processori a 64bit e mi trovo davanti a una Ubuntu box installata di fresco.

Dopo 3 upgrade di versione ho preso la decisione di installare questa LTS da zero per avere il nuovo file system ext4 e vedere come va.
Ecco quindi le primissime impressioni di questa release:
  1. Il primo punto va sicuramente dedicato all'interfaccia grafica che è stata decisamente rinnovata e trova in questo rilascio una maturità che fin'ora era mancata. La discutibile scelta di mettere i pulsanti di gestione della finestra sulla sinistra della barra del titolo ha trovato una pronta spiegazione oggi. Sia che il tema scuro che il tema chiaro (molto OSX) danno uno stile moderno e distinto.
  2. È vero non c'è più gimp, il messenger predefinito è empathy ecc ecc ecc ma io le trovo tutte scelte condivisibili e ragionevoli. Gimp si fa in un attimo a installare e Empathy trovo che sia un client buono, da esplorare, ma che mi ha già dato parecchie soddisfazioni.
  3. La velocità complessiva del sistema mi sembra incrementata. L'unica cosa che pesa leggermente di più sulle prestazioni è Compiz. Con Compiz attivo le applicazioni che fanno uso intensivo della scheda grafica, come giochi e grafica 3d, ne risentono e tendono a scattare.
Parliamo invece dell'aria che si respira. Social, Cloud e Web sembrano le tre parole che hanno dettato la stesura di questa release. Oltre allo spostamento dei pulsanti di controllo si trovano di default e facilmente configurabili tutti gli strumenti per instant messaging. Empathy permette di comunicare con tutti i principali canali, da msn a facebook. Gwibber permette di aggiornare i propri contatti di social networking. Evolution da alle mail una nuova veste e rende calendario, mail e contatti integrati perfettamente all'interno del sistema. A tutto questo si unisce il servizio Ubuntu One, che già era presente nella versione 9.10, che garantisce quel tocco di cloud proprio di questi tempi.

Un'unica raccomandazione quindi: Get Ubuntu!
Posta un commento