venerdì 31 gennaio 2014

Pycharm, l'IDE che fa al caso mio!

Come a molti geek/hax0r/nerd/devs/ecc. piace anche a me senrimi old school utilizzando strumenti rozzi (ma infinitamente leggeri e flessibili) per sviluppare (chi ha nominato vi?). Va detto però che quando il progetto si fa serio, modulare ed esteso bisogna appoggiarsi a strumenti che aiutino a semplificare almeno la gestione dei vari componenti. Su Windows Visual Studio è praticamente il padrone indiscusso del settore IDE. Per quanto riguarda l'offerta open source si hanno molte più scelte ma non sempre i tool soddisfano ogni nostra più piccola esigenza.


Se quando mi trovo a sviluppare applicazioni C++ basate e non sul framework Qt non ho dubbi ed utilizzo QtCreator, nelle varie occasioni in cui ho sviluppato con Python non sono mai stato a mio agio ne con Eclipse, ne con il mastodontico NetBeans e neppure con lo scarno IDLE.

Recentemente ho effettuato la ricerca canonica di chi non sa dove picciare la testa e ho digitato su google "best python ide". Finalmente questa volta Google mi ha dato la risposta che cercavo portandomi sulla pagina che cercavo da anni: http://www.jetbrains.com/pycharm/

PyCharm è un integrated development environment che permette di sviluppare in modo molto agevole in python. Permette la gestione di progetti ed è integrato con i principali tool di versioning (chi ha detto Git?).

Ciò che mi ha colpito principalmente di PyCharm è la velocità con cui permette l'editing del testo. Pur basandosi su una JVM non soffre dei fastidiosissimi lag della gui di cui possono "vantarsi" altri IDE come Eclipse e soprattutto NetBeans. Permette di effettuare debug delle applicazioni in modo molto comodo fornendo uno snapshot dell'applicazione al breakpoint corrente e includendo tutte le informazioni che della VM python.
Utilizzandolo sempre più spesso ho anche potuto apprezzare il supporto al linguaggio C e HTML ed XML in generale.

Sul sito ufficiale viene rilasciato in due versioni: la community edition, che è gratis e che ha funzioni minime per la programmazione in python, e la versione professional che ha un supporto esteso anche ad altri framework e ad altri linguaggi.

Per il mio utilizzo minimo la community edition soddisfa appieno le mie esigenze e consiglio a tutti coloro che vogliono sviluppare in Python ma non hanno ancora trovato lo strumento che fa al caso loro.

E voi quale IDE usate per sviluppare in python?
Posta un commento