martedì 11 settembre 2007

Perchè scegliere l'open source



Voglio fare un post esplicativo delle ragioni che secondo me dovrebbero spingere ognuno ad adottare un sistema operativo open source. Per fare dei nomi: GNU/Linux.

Possiamo suddividere le motivazioni in 3 grossi gruppi: filosofiche, ovvero quelle che guardano il mondo del Free Software dal punto di vista della condivisione di idee, operative, quelle che riguardano il software libero secondo l'effettiva stabilità dei sistemi e la validità delle applicazioni, economiche, la gratuità e il risparmio.

Partiamo dalle motivazioni più profonde, quelle etiche. Le ragioni che spingono chi sa cosa c'è dietro al software. Parliamo di Libertà. Ultimamente si parla molto di libertà, fin troppo, ma la si implementa troppo poco. Parliamo di Software libero. Quando siamo liberi? E intendo veramente liberi, non di scegliere fra la padella e la brace...
Siamo liberi quando ci sono garantiti dei diritti su ciò che abbiamo. Le licenze proprietarie non lo fanno. Sono solo un'unica catena di "NON": non copiare, non ridistribuire, non modificare, non sapere cosa c'è dietro, non informarti, non condividere. Il free software garantisce esattamente il contrario. Puoi copiare il software libero quante volte vuoi, ridistribuirlo, tutto senza infrangere minimamente il contratto di licenza. Senza, cioè, cadere nell'ILLEGALITA'. Il freesoftware è aperto a tutti, tutti sanno cosa fa il sistema operativo GNU/Linux, tutti possono contribuire nello sviluppo. Quindi nessuno può inserire delle parti di codice maligno. Questo non solo ci rende liberi, ma anche protetti allo stesso tempo. Cosa che non garantisce minimamente il software proprietario.

Su questi concetti filosofici secondo me vale veramente la pena di spendere alcuni attimi a riflettere. Oggi non facciamo caso ai click che incessantemente provengono dal mouse. Vuoi installare il programma x su windows? Bene clicca su avanti, avanti, avanti, avanti, avanti e poi su fine. Ma cosa succede effettivamente? In quei pochi istanti noi ci immanettiamo con le nostre stesse mani e rendiamo meno sicuro il nostro sistema. Perchè? Perchè accettiamo una licenza molto restrittiva e, non secondo, installiamo software che può avere un comportamento arbitrario sulla nostra macchina. E' diabolico vero?

C'è un modo per divincolarsi. Si chiama free software.

Parliamo dal punto di vista operativo. Facciamo una domanda a puntino: quanto tempo ci hanno messo a aggiornare windows a una nuova versione "stabile"? 6? 7 anni? Bene. Escono release di ubuntu ogni sei mesi. Ognuna più avanzata della precedente. Le patch per i vari programmi escono giornalmente. Ciò garantisce una grande affidabilità e sicurezza.
Abbiamo tutto ciò che serve con il free software, tool multimediali, suite da ufficio, programmi di grafica vettoriale e raster. Tutto ciò che vogliamo. Questo non incide assolutamente su quello che vogliamo fare con il nostro computer.

Una domanda sempre frequente è: ma ci posso girare i giochi?
La risposta che l'interlocutore si aspetta è "no" ma possiamo sorprenderlo parlandogli di Cadega, wine e della MAREA di giochi open source diponibili nativamente per GNU/Linux.
La colpa del fatto che i giochi vengono sviluppati in minor quantità per GNU/Linux non è colpa del sistema operativo, ma degli utenti che sono entrati nel vortice del software proprietario, che crea dipendenza, che non crea libertà. Allora la migrazione anche per i videogamer potrebbe avvenire in un primo momento partizionando l'hd e tempestando di richieste i produttori. In modo che avvertano che qualcosa si sta muovendo.

Parliamo infine di soldi. E' l'aspetto, se vogliamo, meno importante del free software, ma non va trascurato. Quanto costa vista? Ecco quanto costa
Costa decisamente troppo. Quanto costa GNU/Linux? 0. E non ho detto 'o', ho detto 'ZERO'.
Assolutamente niente. Mi sembra poco trascurabile come aspetto.

Allora la proposta è una: scaricate una qualsiasi distribuzione, sabayon, slackware, ubuntu, debian... quella che volete e date una svolta. Abbiate un feeling diverso con il vostro computer che finalmente è "VOSTRO" nel vero senso della parola. Abbiatene il controllo completo. Solo così possiamo implementare nel modo più completo il concetto di LIBERTA'.
Posta un commento